HOME
HOME


  ACCEDI ALLA TUA AREA PRIVATA
username
password
Dimenticata la password?
Bed & Breakfast [88]
Hotel [16]
Agriturismi e Trulli [18]
Case e Appartamenti [26]
Affitta camere [3]
Centri benessere [0]
Campeggi [1]
Villaggi turistici [0]
Altri servizi [0]

Spiagge
LocalitÓ
Laghi
Grotte marine

Archeologia
Castelli e Torri
Terra e Mare
I Luoghi della Fede

Ricette
Prodotti

LOCALI
Ristoranti - Trattorie [1]
Birrerie - Discoteche [4]
Teatri - Cinema [71]
 
OFFERTE IN CORSO
Nessuna offerta disponibile
 


Puglia vacanze, turismo e cultura nel sud-est italia
 ALLOGGI
alloggi
 MARE
mare
CULTURA
cultura
 SAPORI
sapori
 EVENTI
eventi
 PAESAGGI
paesaggi
PUGLIA
puglia
inserisci e promuovi nel portale:
IL TUO ALLOGGIO · IL TUO LOCALE · IL TUO RISTORANTE · UN BANNER


IL MISTERO DI TERENZANO
Si tratta di uno strano e misterioso monumento di pietra, collocato in un singolare scavo simmetrico per profonditÓ e diametro, in un' area ricca di tombe scavate anche queste nella roccia tufacea. Siamo a Terenzano, in territorio di Ugento, nel bel mezzo dell'omonimo complesso turistico-alberghiero.
L'area nella quale ricade lo scavo Ŕ stata certamente frequentata sin dall'antichitÓ pi¨ remota e dovrebbe essere una delle pi¨ importanti stazioni della Via Sallentina detta anche Traiana che univa le potenti cittÓ messapiche di Vereto, Ugento e Nard˛. Il tracciato complessivo della strada era una sorta di circumsalentina ante litteram, che partiva da Brindisi e arrivava a Manduria, costeggiando l'Adriatico e lo Lonio.
Le interpretazioni che si son date (un monumento all'organo sessuale maschile e quindi alla fertilitÓ e alla ricchezza, o una trappola per lupi o lepri, che nel luogo dovevano essere legioni), lasciano il tempo che trovano.
Ecco perchÚ sul monumento di Terenzano aleggia tuttora un'aria di mistero Nell'area di Giurdignano, in provincia dý Lecce, si registra la pi¨ alta concentrazione di megaliti presentý in Italia: 14 menihýr e 7 dolmen, su un totale di 67 menhir e 21 dolmen presenti in tutto il Salento, dove si contano anche 170 specchie.

[clicca sulle immagini per ingrandirle]

Se i menhýr pi¨ alti li troviamo nel leccese, il dolmen pi¨ imponente, con un dromos (corridoio) lungo oltre sette metri, Ŕ a Bisceglie, a pochi chilometri dalla cittÓ, in localitÓ Chianca da cui prende il nome il monumento. Tre lastre laterali alte dal suolo poco meno di due metri ne sostengono una di copertura che misura metri 2,40 per 3,80. Non meno imponente Ŕ, stilla statale Ostuni-Fasano, la cosiddetta Tavola dei Paladini o dolmen di Montalbano che misura tre metri di lunghezza e 1,5 di larghezza, mentre il lastrone di copertura Ŕ di circa re metri per due.
In provincia di Lecce Ŕ il dolmen Scusi, a Minervino, lungo la provinciale per Uggiano, il pi¨ significativo per dimensione: la Lastra di copertura, posta su 8 pilastri di pietre informi, ad un metro circa di altezza dal suolo, misura metri 3,80 per 2,50.
Un dolmen "pi¨ evoluto", secondo alcuni studiosi, potrebbe essere Le Cento pietre di Pat¨, una originale costruzione a capanna costituita da enormi blocchi di pietra, provenienti pare dall'antica vicina cittÓ messapica di Veretum, che forma un singolare tempietto, di fronte alla chiesetta romanicobizantina di san Giovanni.

[clicca sulle immagini per ingrandirle]



Torna alla lista »



Copyright © 2007-2014 COSTA EST -
P.IVA 02647840400 - Tutti i diritti riservati - Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti | privacy policy