HOME
HOME


  ACCEDI ALLA TUA AREA PRIVATA
username
password
Dimenticata la password?
Bed & Breakfast [88]
Hotel [16]
Agriturismi e Trulli [18]
Case e Appartamenti [26]
Affitta camere [3]
Centri benessere [0]
Campeggi [1]
Villaggi turistici [0]
Altri servizi [0]

Spiagge
Località
Laghi
Grotte marine

Archeologia
Castelli e Torri
Terra e Mare
I Luoghi della Fede

Ricette
Prodotti

LOCALI
Ristoranti - Trattorie [1]
Birrerie - Discoteche [4]
Teatri - Cinema [71]
 
OFFERTE IN CORSO
Nessuna offerta disponibile
 


Puglia vacanze, turismo e cultura nel sud-est italia
 ALLOGGI
alloggi
 MARE
mare
CULTURA
cultura
 SAPORI
sapori
 EVENTI
eventi
 PAESAGGI
paesaggi
PUGLIA
puglia
inserisci e promuovi nel portale:
IL TUO ALLOGGIO · IL TUO LOCALE · IL TUO RISTORANTE · UN BANNER


CASTEL DEL MONTE NELLA DESCRIZIONE DI DUE VIAGGIATORI STRANIERI DI JANET ROSS E FERDINAND GREGOROVIUS
Arrivare in Puglia, come in tutte le regioni a sud di Napoli, era, fino a dopo l'unità d'Italia, come avventurarsi in un continente sconosciuto per le difficoltà delle comunicazioni, per la mancanza di servizi, ma soprattutto per le bande di briganti che imperversavano lungo le strade. Attraversare le gole di Bovino significava raccomandarsi l'anima a Dio e non erano pochi i viaggiatori che prima di partire facevano testamento.
Ciononostante molti viaggiatori stranieri, nei secoli, con spirito di avventura e grande curiosità, sono scesi in Puglia sulle tracce di quel che era rimasto dell'antichità magnogreca o alla ricerca di testimonianze federiciane, scrivendo pagine significative sulla regione. Castel del Monte, tra i tanti luoghi, era tappa obbligata per la grandiosità del monumento.
Janet Ross, colta viaggiatrice inglese, viene in Puglia alla fine dell'800 e si reca a Castel del Monte. "Lasciata la carrozza ad una fattoria isolata, cominciammo a salire la nuda collina, sotto un sole cocente; allora rilevammo che ciò che in lontananza ci era sembrato una torre rotonda, era invece un perfetto ottagono con una torre per ciascuno degli otto lati, ed ognuna delle otto torri di forma del pari ottagonale... Fra una torre e l'altra, alternativamente, vi ha una finestra gotica di elegantissima fattura, biforata da una colonnina di marmo roseo, e sormontata da un rosone. La finestra che sovrasta la porta principale è più grande delle altre, ed è adorna di colonnine e, superiormente, di transenne bellissime...
…La porta principale, fra due torri, è tutta di marmo roseo, e guarda il mare dalla parte di levante; il suo arco gotico poggia sopra due maestosi leoni, che, a guisa di guardiani, posano alla lor volta sovra i due capitelli delle colonne che fiancheggiano la magnifica porta. L'assieme è veramente mirabile per meravigliosa fusione dello stile gotico col classico, del l'arte del rinascimento con l'antica, producendo un effetto splendido di armonia architettonica, e nello stesso tempo elegante e severo".

[clicca sulle immagini per ingrandirle]

Ferdinand Gregorovius, illustre storico tedesco, venuto a più riprese in Puglia nella seconda metà dell'Ottocento, così descrive Castel del Monte: "L'andata a cavallo al castello è tra le più belle ricordanze dei miei viaggi. La cavalcata si componeva di sette persone. I cavalli, di razza pugliese, avevano forme grosse e forti. I signori che ci tenevano compagnia, tutti uomini rigogliosi e robusti, s'erano armati di fucile a due canne, e posero anche in arcione le pistole. Le Murgie, come la Sila nelle Calabrie, non sono sempre il luogo più sicuro di questo mondo'...
È un diletto l'attraversare a cavallo ( queste incolte e solitarie campagne, il poter respirare le balsami che aure di maggio, tutte impregnate del profumo di mille fiori, e il vedere laggiù infondo scintillare l'azzurro cupo del mare.
Via via cavalcando su per le verdi colline, il meraviglioso castello ci stava dinanzi agli occhi, e con le mura ingiallite ci si ridisegnava più netto e spiccato... non fu piccola meraviglia trovare il su per- ho edificio in condizioni molto migliori che non m'a spettassi. Certo, all'interno è devastato, ed anche di fuori, in alcuni punti, assai malconcio...
Guardandolo nel suo tutto, sembra una costruzione marmorea e non ha nulla che lo faccia assomigliare ad una fortezza... Le sue forme sono di una purezza e semplicità veramente classiche, e a vederle si rimane stupiti, e si ha un alto concetto di quel che fosse l'architettura in questo paese al tempo degli Hohenstaufen... Le apparenze e le tendenze pesanti del castello medievale sono superate. Gli stessi caratteri dello stile gotico vi appaiono purificati... Porte e finestre sono, è vero, gotiche o mezzo gotiche; ma gli archi acuti ornati e congiunti insieme con cornicioni, frontoni, pilastri e colonne, arieggiano la forma antica e classica...
Non è facile trovare, e forse neppure immaginare, un concetto architettonico eseguito con maggiore regolarità matematica...


Torna alla lista »



Copyright © 2007-2014 COSTA EST -
P.IVA 02647840400 - Tutti i diritti riservati - Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti | privacy policy